La scienza….

fisiologiadelgusto:

La fiducia interpersonale, sempre secondo Antonio Mutti, viene, allora, prioritariamente definita come «l’aspettativa che Alter non manipolerà la comunicazione o, più specificamente, che fornirà una rappresentazione autentica, non parziale né mendace, del proprio comportamento di ruolo e della propria identità. L’aspettativa di Ego concerne cioè la sincerità e credibilità di Alter, intese come trasparenza e astensione dalla menzogna, dalla frode e dall’inganno» [2]

In sintesi la fiducia, come viene sistematizzata nei suoi lavori dal sociologo italiano Antonio Mutti, può essere definita «come un’aspettativa di esperienze con valenza positiva per l’attore, maturata sotto condizioni di incertezza, ma in presenza di un carico cognitivo e/o emotivo tale da permettere di superare la soglia della mera speranza» [3], che tradotto in termini non scientifici significa questo: diamo fiducia perché ci aspettiamo qualcosa di buono dall’altro, ma non ne siamo certi, tuttavia le cose che sappiamo (il carico cognitivo) e quelle che sentiamo (carico emotivo) sono qualcosa di più di una mera speranza, quindi dopo aver fatto una sintetica ricognizione dei costi e dei benefici futuri, abbandonando le esitazioni, ci inoltriamo nel rapporto fiduciario

Show more details about this post
Show more details about this post

alla fine siamo tutti degli ipocriti e accettiamo solo chi condivide le nostre stesse ipocrisie

Show more details about this post
Show more details about this post

1 2 3 4 5 Next page >

Back to the top
Close ask section
Close ask section

Uh Oh - The requested page is not there!

Sorry we could not find it, try visiting the home page.